Via da Valona!

La rivolta dei bersaglieri e le “giornate rosse”

Via da Valona!
di Ruggero Giacomini
Acquista ora!

Presentazione del libro

Nel giugno 1920 un battaglione di bersaglieri di stanza nella caserma anconetana di Villarey si ammutinò per non fare la guerra all’Albania.

Ottennero la solidarietà dei commilitoni e di larga parte della popolazione e costrinsero il governo Giolitti, appena insediato, a revocare l’ordine di partenza, obbligandolo di fatto a rinunciare alle ambizioni colonialiste, per rispettare l’indipendenza schipetara. Fu la prima ribellione di soldati dell’esercito italiano che ottenne il risultato e la più importante dopo la rivoluzione d’Ottobre.

Nel momento culminante del biennio rosso, quando ancora le attese rivoluzionarie erano vive e le possibilità anche, nata per solidarietà ai bersaglieri, l’insurrezione popolare proseguì contando di innescare l’attesa Rivoluzione.

Furono le “giornate rosse”: scioperi, manifestazioni e scontri si ebbero in tutta Italia. Via da Valona!, avvalendosi di materiale d’archivio inedito, è la prima e completa ricostruzione storica a 100 anni di distanza da quel famoso evento.

Dettagli

Autore: Ruggero Giacomini
Genere: Storia e memoria
Editore: Castelvecchi Editore
Anno di pubblicazione: 2020
ASIN: 8832829797
ISBN: 9788832829792
Acquista ora
Acquista da Amazon
Condividi il libro nei social
Biografia dell'autore
Ruggero Giacomini

Ruggero Giacomini e Dottore di ricerca in Storia dei partiti e dei movimenti politici, allievo e collaboratore di Enzo Santarelli all’Università di Urbino, è presidente del Centro culturale “La Città futura”.

Autore di rigorosi e innovativi studi su Gramsci, sui movimenti della pace e sulla Resistenza, ha già pubblicato con Castelvecchi Gramsci e il giudice (2017), e Il processo Stalin (2019).

Discussione su questo libro

Albania Letteraria su Facebook