«Uccidete Sartre!»

Anticolonialismo e antirazzismo di un «revenant»

«Uccidete Sartre!»
di Iside Gjergji
Acquista ora!

Presentazione del libro

Jean-Paul Sartre, uno dei più grandi pensatori del XX secolo, ha più volte rischiato la vita per aver lottato in difesa dei colonizzati. Per í sostenitori del colonialismo, le sue parole e il suo attivismo politico erano pericolosi, ostacoli da eliminare.

Per i rivoluzionari e i movimenti anticoloniali, invece, erano fonte di ispirazione. Frantz Fanon volle soltanto lui per la prefazione a “I dannati della terra”.

Questo libro propone una puntuale analisi dei concetti di razzismo e colonialismo in Sartre. La tesi radicale a cui giunge la riflessione del filosofo è che il colonialismo sia un sistema, ovvero un meccanismo complesso posto alla base della produzione e riproduzione del capitalismo: il razzismo non rappresenta una sua semplice dottrina, ma una dimensione operativa, una violenza che giustifica se stessa.

In un momento storico in cui da diverse tribune si reclama a gran voce il ritorno al colonialismo, si moltiplicano e prolungano le missioni militari all’estero, si fortificano i confini nazionali in Europa e altrove, si intensifica il razzismo istituzionale e si costruiscono ovunque asimmetrie tra individui, classi e popolazioni, il pensiero di Sartre torna a essere centrale e imprescindibile anche per chi lo aveva frettolosamente archiviato.

Il libro raccoglie inoltre quattro scritti di Sartre, tra cui “Il colonialismo è un sistema”, universalmente considerato un contributo importante per l’analisi del fenomeno coloniale.

Dettagli

Autore:
Genere: Filosofia
Editore: Ombre Corte
Anno di Pubblicazione: 2018
ASIN: 8869481085
ISBN: 9788869481086
Acquista ora
cquista da Amazon
Sign up for Updates
Condividi il libro nei social
Biografia dell'autore
Iside Gjergji

Iside Gjergji è nata a Durazzo, Albania. Nell'aprile del 2004 ha conseguito il dottorato in Sociologia delle migrazioni e delle culture presso l'Università del Salento, dopo una laurea in giurisprudenza presso l'Università di Bari, dove ha avuto l'opportunità di approfondire le sue conoscenze in questo campo.

Nel maggio 2008 ha discusso la sua tesi di dottorato su "Lettere circolari amministrative come strumento di governance per i movimenti migratori in Italia: un'analisi sociologica".

È stata docente all'Università di Stanford; Università Ca 'Foscari di Venezia, ed è docente e membro permanente del consiglio accademico del corso di laurea specialistica "Immigrazione e trasformazione della società" presso l'Università Ca 'Foscari di Venezia, ha studiato vari aspetti del fenomeno migratorio come centri di detenzione amministrativa di immigrati in Europa, razzismo istituzionale, gestione autoritaria dei movimenti migratori in Italia, nonché le condizioni legali e sociali dei minori immigrati in Italia, Spagna e Francia.

Recentemente si è concentrata su 1) migrazione, sicurezza e razzismo; 2) questioni di "infra-law" e conseguenze sociali dei "nuovi" modi (neoliberali / postmoderni) di produrre regole; 3) tortura; 4) problemi del lavoro; 5) movimenti sociali in Nord Africa; 6) tirocini e istruzione.

Discussione su questo libro

Albania News su Facebook

Vuoi segnalarci novità o uscite editoriali degli autori albanesi o libri sull’Albania? Scrivici a [email protected]

Libri albanesi tradotti di recente

Libri recenti da autori italofoni

Libri recenti da autori italiani

Libri recenti da autori arbëreshë