Richiamare al bene

di Valbona Jakova

Richiamare al bene

"Richiamare al bene" di Valbona Jakova è una straordinaria testimonianza del percorso dell'autrice, delle sue amicizie, dei tormenti, della persecuzione subita dalla sua famiglia da parte del regime di Enver Hoxha, e del suo approdo in Italia.

Acquista ora!

Presentazione del libro

MI RIBELLO

Mi ribello perché la ribellione
è ovunque, fuori e dentro di me.
Mi ribello quando ho freddo,
perché tanto freddo hanno
in tanti, vicino e intorno a me.

Mi ribello quando ho caldo,
perché sono in tanti quelli
che hanno caldo, quando
non possono godere della montagna.
Mi ribello contro tutti quelli che
dicono che la montagna
non possa cadere, e poi cade!

Mi ribello perché i potenti
si sono impossessati delle spiagge
inghiottendo tutte le coste
quando il mare genera trombe
d’aria e uragani di ribellione!

Mi ribello perché i potenti
hanno distrutto le foreste
e gli animali sono stati sfrattati
dai loro habitat passeggiando
per le strade insieme a noi.

Mi ribello contro gli istinti
degli uomini che superano
le bestie, mentre le bestie
si lasciano addomesticare.

Mi ribello contro l’uomo che
mi ama e finge di non
amarmi, dimenticando
che ti amo me lo ha detto mille volte!

Mi ribello contro il suo istinto
e uccido il mio per il mio amore
e di tante altre che sono come me,
e combatto, e ancora combatto
fino all’ultimo battito,
per far uscire dalla gabbia del suo
cuore l’animale primordiale
e renderlo nobile, nobile,
così nobile da essere baciato mille, mille volte;
nobile da capire il vero mistero
della procreatrice che non sa generare
solo figli, ma anche ribellioni.

Forse Dio, per la sua nobiltà
di creatore, ci ha dato sia il
cuore che la ragione.

Grazie ribellione, che mi
hai preso il cuore e mi hai
lasciato la ragione!

Dettagli

Autore: Valbona Jakova
Genere: Poesie
Editore: Gilgamesh Edizioni
Anno di pubblicazione: 2020
ISBN: 9788868674823
Acquista ora
Condividi il libro nei social
Biografia dell'autore
Valbona Jakova

Valbona Jakova (Tirana, 23 ottobre 1953) è una poetessa e traduttrice albanese nata a Tirana e residente in Italia.

Figlia di Frano Jakova, compositore che ha ricoperto alcune importanti cariche istituzionali in ambito culturale; nipote del drammaturgo Kolë Jakova e dei politici Tuk e Filip Jakova.

Mediatrice Linguistica Culturale, dall’Italia ha tradotto in albanese poesie di Pablo Neruda, Giuseppe Ungaretti, Umberto Bellintani, Beppe Costa, Jack Hirschman, e alcuni testi di saggistica tra cui “Perché credo a Medjugorje?” e “Il Falsario” di Padre Livio Fanzaga.

Nel 2010 pubblica in Italia la raccolta di poesie “La tempesta delle ore”, Gruppo Albatros Il Filo, ristampata nel 2016 con Pellicano. Suo il libro per bambini “I tre porcellini e i porcellini migranti” ( Il Veliero, 2019). Nel 2020 pubblica per il Gilgamesh ed, “Richiamare al bene”.

È tra i fondatori del “Movimento dal sottosuolo”.

Discussione su questo libro

Albania Letteraria su Facebook