L’occhio del tiranno

di Ismail Kadare

L’occhio del tiranno

In un Impero ottomano fittizio che assurge ancora una volta a simbolo di totalitarismo moderno, sempre più vaga ed arbitraria è la causa di persecuzione.

Dopo i sogni premonitori de “Il palazzo dei sogni’’, questa è la volta del malocchio, che lanciato dagli occhi di alcuni individui viene considerato all’origine di eventi funesti nell’Impero. Per curare questa piaga si decide di accecare coloro che posseggano “occhi malvagi’’. La macchina del controllo e della repressione si mette in moto, in maniera sempre più organizzata e capillare. Tra i suoi ingranaggi vi è il promesso sposo di Maria, simbolo di una femminilità proiettata oltre la tradizione e, suo malgrado, verso la consapevolezza del suo dramma.

(Sara Daneri)

Presentazione del libro

Non c’è alcun dubbio, gira voce tra il popolo, che il malocchio esiste, e non è la prima volta nella storia dell’Impero Ottomano che lo Stato deve agire.

La decisione del sultano si concretizzerà in un editto tra i più radicali. Ogni persona che si ritiene portatrice del “malocchio” è tenuta a segnalarlo alla Commissione Centrale. Fatto ciò l’autorità le caverà gli occhi assegnandole però una somma consistente per “compensare” questa perdita.

A chi invece non si denuncerà spontaneamente verranno comunque cavati gli occhi ma non riceverà alcuna indennità. La denuncia è incoraggiata, diventa addirittura obbligatoria, e non è difficile immaginare che non ne mancheranno affatto, calcolando ciascuno il rischio se sia meglio ritrovarsi cieco e senza pensione o prevenire una eventuale denuncia.

In un’atmosfera angosciante, d’incertezza che si trasforma una pagina dopo l’altra in terrore, i giovani Maria e Xheladin saranno costretti a vivere impotenti la loro storia d’amore, mentre l’eros sarà contaminato dall’orrore della cecità, dal buio della morte.

Romanzo metaforico, “L’occhio del tiranno” ci dimostra a cosa possono portare gli eccessi del Potere, e al tempo stesso il pericolo che ogni individuo può rappresentare per gli altri quando un simile potere è in atto.

Dettagli

Autore:
Genere: Narrativa
Editore: Fandango Libri
Anno di Pubblicazione: 2012
ASIN: 8860442710
ISBN: 9788860442710
Condividi il libro nei social
Biografia dell'autore
Ismail Kadare

Nato ad Argirocastro nel 1936, Ismail Kadare è considerato uno dei più grandi scrittori e intellettuali del XX secolo.

Si laureò nella Facoltà della Storia e Filologia presso l’Università di Tirana e studiò per due anni letteratura mondiale all’Istituto Gorkij a Mosca.

Nel 1990 ha chiesto e ottenuto l’asilo politico in Francia. Ha vinto molti premi letterari, tra cui il Premio Mediterraneo per stranieri, Premio Herder, Man Booker International Prize, Premio Principe delle Asturie per la letteratura ecc.

Più volte candidato per il Premio Nobel e membro d’onore all’Accademia Francese.

Discussione su questo libro

Albania News su Facebook

Vuoi segnalarci novità o uscite editoriali degli autori albanesi o libri sull’Albania? Scrivici a info@albanianews.it

Libri albanesi tradotti di recente

Libri recenti da autori italofoni

Libri recenti da autori italiani

Libri recenti da autori arbëreshë

Pubblicità