I nipoti di Scanderbeg

di Artur Spanjolli

I nipoti di Scanderbeg

Presentazione del libro

La vicenda, narrata in prima persona, racconta del secondo esodo di migliaia di albanesi verso le coste pugliesi, nell’agosto del 1991.

Andi parte da Durazzo inseguendo il sogno di una vita migliore. L’Italia, l’Occidente rappresentano per la popolazione albanese una forte attrattiva in un periodo in cui in patria la miseria e il disordine, seguiti alla caduta del regime comunista, imperversano.

Il viaggio della speranza di Andi dura 16 ore e a esso fanno seguito molti giorni trascorsi all’addiaccio nel porto di Bari. Le razioni alimentari scarseggiano, la situazione è al limite dell’umana sopportazione.

Andi, al porto di Bari con lo zio, finge un malore per guadagnarsi un posto nell’accampamento medico, dove resterà per molti giorni e dove avrà la fortuna di rifocillarsi meglio di altri, di dormire decentemente e di lavarsi.

Andi continua a fantasticare di una nuova vita, pensa al modus vivendi occidentale come a una conquista; immagine che cozza però con l’estrema tragicità della situazione reale vissuta in quel limbo.

Dettagli

Autore:
Genere: Narrativa
Editore: Salento Books
Anno di Pubblicazione: 2012
ASIN: 8849708300
ISBN: 9788849708301
Risorse Book Club
Acquista ora
cquista da Amazon
Condividi il libro nei social
Biografia dell'autore
Artur Spanjolli

Artur Spanjolli è nato a Durazzo nel 1970. Dal 1992 vive in Italia, dove si è laureato in lettere.

L'autore ha pubblicato in lingua italiana L'accusa silenziosa (2007), Cronaca di una vita in silenzio (2010), La sposa rapita (2012), I nipoti di Scanderbeg (2012), La Teqja (2013),  Eduart (2014), Preludio d'autunno (2018)

Anteprima

Discussione su questo libro

Albania Letteraria su Facebook

Vuoi segnalarci novità o uscite editoriali degli autori albanesi o libri sull’Albania? Scrivici a [email protected]

Libri albanesi tradotti di recente

Libri recenti da autori italofoni

Libri recenti da autori italiani

Libri recenti da autori arbëreshë