Così vicini, così lontani

La prossimità italo-albanese dalle origini del secolo breve alla Resistenza

Così vicini, così lontani
A cura di Antonella Fiorio e Vito Saracino. Presentazione di Edon Qesari
Acquista ora!

Presentazione del libro

Questo libro viene pubblicato a chiusura del progetto di ricerca condotto dalla Fondazione Gramsci di Puglia “Tracce di Resistenza: la Brigata Gramsci in Albania 1943-1945”, che ha impegnato giovani ricercatori nell’approfondimento delle relazioni interadriatiche tra l’Italia e l’Albania nella prima metà del Novecento, con particolare focus sul contributo dato alla Resistenza albanese dai militari italiani.

Nell’introduzione storica di Edon Qesari vengono delineati gli interessi italiani in Albania agli esordi della società contemporanea, mentre Vito Saracino analizza i tentativi di egemonia mediatica italiana alla conquista del Paese delle aquile.

Basandosi sui documenti dell’Archivio di Stato di Tirana, Antonella Fiorio ricostruisce poi le vicende che hanno interessato la formazione partigiana italiana “Antonio Gramsci”, che in Albania ha contribuito alla Resistenza contro il nazifascismo.

In coda un apparato di documenti scelti, funzionali a un lavoro di analisi da svolgersi nelle scuole. Introduzione storica di Edon Qesari.

Dettagli

Autori: Antonella Fiorio, Edon Qesari, Vito Saracino
Genere: Saggistica
Editore: Besa Muci Editore
Anno di pubblicazione: 2020
ASIN: 8836290884
ISBN: 9788836290888
Acquista ora
Acquista da Amazon
Condividi il libro nei social
Biografia dell'autore
Vito Saracino

Vito Saracino (Manfredonia 1990) Dottore di Ricerca in “Cultura, Educazione e Comunicazione” presso le Università di Roma Tre/Foggia e ricercatore storico della Fondazione Gramsci di Puglia.

La sua attività di ricerca si interseca con la realtà balcanica durante un triennio di ricerca che lo ha portato ad approfondire la situazione socio-politica dell'Europa dell'est e dell'Albania in particolare, occupandosi di come i media italiani, soprattutto nel Novecento, siano riusciti ad influenzare nel tempo numerosi aspetti culturali della Repubblica delle Aquile.

Tale lavoro multidisciplinare gli è valso il riconoscimento di Doctor Europeaus per l’internazionalità del percorso di ricerca e della tesi di dottorato.

Sempre riguardo l'Albania è curatore insieme ad Antonella Fiorio del volume "Così vicini, così lontani. La prossimità italo-albanese dalle origini del secolo breve alla resistenza".

Storico sociale e docente negli istituti secondari, i suoi interessi di ricerca sono poliedrici, passando dallo studio dei mass media alle ricostruzioni storico-politiche del Novecento.

La sua opera prima, sui protagonisti dell’ambientalismo in Puglia dal titolo “Un libertario a servizio della Murgia” (Il Grillo 2016) è risultata vincitrice del I° Premio di Ricerca “Enzo Marchetti” e del II° Premio di Ricerca “Sebastiano Romeo”.

Nel suo secondo studio “Giuseppe Bucci (1872-1935). Storia di un educatore nel passaggio dalla società liberale all’età fascista” (Adda 2018) si concentra sul ruolo della propaganda all’interno del sistema sportivo ed educativo nel Mezzogiorno.

Il suo terzo lavoro incentrato sulla ricostruzione delle realtà associative nel secondo dopo guerra, intitolato “Casa Arci! Sessant'anni di Associazionismo in Puglia”, (Andrea Pacilli 2019) vince il Premio Giovani Cultura Giovanile con il patrocinio di Università degli Studi di Trieste e Regione Friuli Venezia Giulia.

Partecipa inoltre a diverse opere collettanee come: “Archeologia Storia Arte. Materiali per la storia di Barletta tra Ottocento e Novecento” (Edipuglia 2019); “L’Umanità come Patrimonio. Complessità e Intercultura nelle politiche dell’Unesco” (Andrea Pacilli Editore 2018); Puglia 14-18. Itinerari di Studio nel Centenario della Grande Guerra (Edizioni dal Sud 2018); “Siponto e Manfredonia nella Daunia I-II- III” (Andrea Pacilli Editore 2016-2018-2020), “Il mistero del Natale. Storia, celebrazione e teologia dai testi degli antichi prefazi”, (Andrea Pacilli Editore 2019), “L’Azione Cattolica nella Diocesi di Gaeta. Dalla Grande Guerra alla vigilia del Concilio Vaticano II” (Andrea Pacilli Editore 2018).

Discussione su questo libro

Albania Letteraria su Facebook