Albania: Tra crimini e miraggi

di Besnik Mustafaj

Albania: Tra crimini e miraggi
In Italia il libro "Albania tra crimini e miraggi" è stato pubblicato per la prima volta nel 1993 dalla casa editrice Garzanti

Gli albanesi sognano l'Italia e si buttano in mare per raggiungerla. Gli italiani invece dell'Albania ignorano quasi tutto.

In questo saggio uno dei protagonisti della difficile transizione dal regime di Hoxha all'attuale democratizzazione, Besnik Mustafaj, ricostruisce il tragico passato albanese per arrivare a raccontare il difficile presente. conversione alla rivolta dei poveri.

Acquista ora!

Presentazione del libro

Dopo avere vissuto la schiavitù sotto tre Imperi – Romano, Bizantino e Ottomano –, la diaspora nei Balcani e l’occupazione fascista, dal secondo dopoguerra il popolo albanese è stato schiacciato da una delle dittature più anacronistiche e crudeli del secolo, quella dello stalinista Enver Hoxha.

L’Albania è riemersa dall’oscurità solo nella primavera del 1991, quando migliaia di migranti albanesi lasciarono i margini della storia europea a bordo di imbarcazioni di ogni tipo: l’Italia scopriva di essere una terra promessa, un miraggio di libertà distante solo un braccio di mare.

Besnik Mustafaj è uno degli intellettuali reinventati politici che si sono battuti per la caduta del regime comunista, e che hanno avviato la ricostruzione del Paese dalle sue macerie.

In questo libro, scritto a ridosso degli eventi e aggiornato a quasi trent’anni di distanza, l’autore racconta la delicata ma entusiasmante transizione verso la democrazia e analizza gli errori commessi dalla sua generazione, cercando di capire perché l’Albania non è ancora il Paese che sognava di diventare.

Dettagli

Autore:
Genere: Romanzo
Editore: Castelvecchi Editore
Anno di Pubblicazione: 2019
ASIN: 8832826666
ISBN: 9788832826661
Valutazione:

Prezzo di listino: 18
Acquista ora
cquista da Amazon
Condividi il libro nei social
Biografia dell'autore
Besnik Mustafaj

Besnik Mustafaj, nato il 23 Settembre del 1958, è un noto politico e scrittore albanese. Si è laureato in Lingua e Letteratura Francese all’Università di Tirana e ha lavorato come professore, traduttore e giornalista. È tra i fondatori del Partito Democratico d’Albania. Ambasciatore in Francia dal 1992 al 1997, è stato Ministro degli Esteri dal 2005 al 2007, per poi dimettersi causa dissenso con il premier Sali Berisha e dedicarsi definitivamente alla scrittura.

Nel 1997 rassegna le dimissioni dopo la salita al governo del partito socialista. Torna in Albania come rappresentante del partito democratico, da cui si allontanerà nel 2009.

Tra i più importanti scrittori contemporanei albanesi, Mustafaj è autore di numerosi romanzi, saggi, raccolte e traduzioni. Le sue opere sono state tradotte in molte lingue, ricevendo un largo consenso di critica. In Italia ha pubblicato Albania: Tra crimini e miraggi  (Garzanti, 1993, ripubblicato nel 2019 da Castelvecchi Editore), la raccolta di poesie Leggenda della mia nascita (2012) e Piccola saga carceraria (2018).

Nel 1997 ha vinto il premio “Méditerranée” per il romanzo Daullja prej letre (Tamburo di carta).

Discussione su questo libro

Albania News su Facebook

Vuoi segnalarci novità o uscite editoriali degli autori albanesi o libri sull’Albania? Scrivici a info@albanianews.it

Libri albanesi tradotti di recente

Libri recenti da autori italofoni

Libri recenti da autori italiani

Libri recenti da autori arbëreshë

Pubblicità